Detrazioni fiscali

Speriamo arrivi presto la buona notizia del prolungamento delle detrazioni fiscali oltre il 30 giugno. Il nuovo Governo sta già lavorando per la proroga degli incentivi fiscali, che potrebbero diventare addirittura definitivi. Sarebbe un sospiro di sollievo per tutte le aziende italiane e i consumatori che non hanno ancora fatto ristrutturazioni, ma a breve potrebbero essere costretti ad effettuarle.

Molti dei nostri possibili clienti hanno deciso di rimandare improvvisamente la spesa per sostituire i serramenti, pur essendo entusiasti dell’acquisto che stavano per compiere. Possiamo immaginare che la rinuncia sia dovuta a spese più urgenti portate dalla crisi. Un altro motivo potrebbe essere l’imminente scadenza del 30 giugno, a causa della quale non avrebbero fatto in tempo a terminare i lavori e usufruire dei benefici fiscali.

AGGIORNAMENTI PIÙ RECENTI A FONDO PAGINA

Quirinale approva prolungamento detrazioni fiscali

Risposte positive sono giunte dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e dai saggi del gruppo di lavoro economico, che nella relazione consegnata in data 12/04 a pagina 50 propongono incentivi permanenti per l’efficienza energetica:

“Il settore energetico è uno di quelli in cui è possibile coniugare meglio salvaguardia ambientale e crescita. La Strategia Energetica Nazionale, approvata l’8 marzo 2013, ha indicato la promozione dell’efficienza energetica e lo sviluppo sostenibile delle energie rinnovabili tra le priorità d’azione che devono essere adottate. L’accrescimento dell’efficienza energetica può consentire di abbassare il costo dell’energia, di migliorare la qualità dell’ambiente e di attivare una massa di investimenti che potrebbero stimolare la crescita, soprattutto delle economie locali. Per raggiungere questi obiettivi si propone di:
(…)
– mantenere la detrazione fiscale del 55 per cento accordata agli investimenti effettuati nella riqualificazione energetica degli edifici. Tale detrazione, che è vicina alla scadenza, dovrebbe essere quantomeno prorogata o, meglio, resa permanente;
– introdurre o rafforzare standard qualitativi minimi degli edifici in termini di efficienza energetica;
(…)”

Si cercano fondi per le detrazioni fiscali

Per il momento non è ancora ufficiale, ma si tratta di un impegno economico arrivato pubblicamente dal nuovo ministro dello sviluppo economico Flavio Zanonato, durante il convegno annuale degli imprenditori edili nella sede Ance a Roma. Si è espresso a favore sulla permanenza delle detrazioni fiscali, e in particolare sulla proroga dello sgravio Irpef 55% per le spese di risparmio energetico:

Siamo impegnati a prorogare il bonus del 55% sull’efficienza energetica. I soldi si possono trovare all’interno del bilancio. Servono circa 300 milioni, ma serve una copertura.

Ci auguriamo a giorni di ricevere l’annuncio ufficiale della proroga, per il momento restiamo fiduciosi che alla luce di quanto accaduto il Governo possa mantenere la parola data. Vi aggiorneremo presto sulle manovre che verranno prese in questa direzione, per poter agevolare tutti gli Italiani.

Aggiornamento del 16/05/2013

Riportiamo anche l’intervista nella quale in ministro delle infrastrutture Maurizio Lupi afferma che è nei piani del governo prorogare il bonus fiscale per la ristrutturazione edilizia e il risparmio energetico:

Nello sviluppo sostenibile ci sono anche i bonus fiscali del 55 e del 50 per cento?

“Il tema della casa e della riqualificazione delle città è centrale in questo capitolo. La proroga degli incentivi per il risparmio energetico e per le ristrutturazioni edilizie è all’esame della Ragioneria e mi auguro che si tenga conto anche di quanto rientra al fisco da questi incentivi che per altro vanno allargati a interventi di prevenzione antisismica”.

 

Aggiornamento del 22/05/2013

Una nuova conferma che dimostra la volontà del governo di posticipare la scadenza delle detrazioni fiscali, è arrivata ieri dal ministro delle infrastrutture Lupi. Si sarebbe studiata la possibilità di prorogare fino al 31 Dicembre le misure di defiscalizzazione per le ristrutturazioni e il bonus energia del 50 e 55 per cento, estendendole anche agli elementi di arredo. Per i fondi da individuare, necessari per poter approvare la proroga, il viceministro dell’economia Luigi Casero si è detto a riguardo molto ottimista.

“Individueremo i fondi”

Meno ottimista il sottosegretario all’economia Pierpaolo Baretta, frenato dalla complessità della finanza pubblica dello Stato, avendo a suo giudizio fondi troppo limitati per poter rinnovare i bonus fiscali, e allo stesso tempo quelli per evitare l’aumento dell’iva:

 “Avremo un mese complicato per trovare le risorse che consentano di evitare l’aumento dell’Iva, la coperta è corta”.

 

Aggiornamento del 23/05/2013

IN ARRIVO PROROGA DETRAZIONE FISCALE 55% PER EFFICIENZA ENERGETICA

Vi comunichiamo che alle ore 12:05 durante l’assemblea annuale di Confindustria è stata confermata la possibilità di proroga per tutto l’anno 2013 del bonus fiscale 55% per l’efficienza energetica. In presenza del presidente del consiglio Letta, la notizia dell’imminente proroga è stata annunciata dal presidente Giorgio Squinzi, aggiungendo che ci sarà la possibili di modifiche per poter richiedere il bonus fiscale.

“Intendiamo (..) introdurre alcune rimodulazioni per ridurne il costo diretto sul bilancio dello Stato e intensificare l’efficacia sulle tecnologie più avanzate, eliminando alcune sovrapposizioni con altre forme di incentivazione pubblica”.

 

Detrazione fiscale 50% per Ristrutturazione Edilizia

Diversamente andrà per il bonus fiscale 50% per la ristrutturazione edilizia , che come comunicato dal ministro dello sviluppo economico Flavio Zanonato non sarà prorogato oltre il 30 giugno. Tuttavia non scomparirà del tutto ma resterà in vigore con una percentuale del 36%. A suo sfavore ci sarà una possibile diminuzione del tetto di spesa detraibile che oggi è di 96000 euro, ma potrebbe calare fino ad un massimo di 48000 euro.

Aggiornamento del 24/05/2013

Oggi dovrebbe essere il giorno decisivo per l’annuncio ufficiale del Governo sulla proroga del bonus fiscale per il risparmio energetico. Ma vogliamo riportare le parole pronunciate ieri dal ministro dello sviluppo economico Flavio Zanonato in merito alla detrazione fiscale 55%:

“Con il ministro dell’Economia (…) ho concordato la conferma, almeno per tutto il 2013, della detrazione fiscale del 55% per gli interventi di efficienza energetica negli edifici che scadrà il 30 giugno”.

 

Aggiornamento del 30/05/2013

Dopo aver rinviato di una settimana la proroga, domani potrebbe essere la giornata giusta per il Consiglio dei ministri per approvare gli eco-bonus e non solo. Una novità è la proposta di Giorgio Squinzi per aumentare da 50 al 70 per cento le agevolazioni sulle ristrutturazioni edilizie, estendendole anche al settore arredamento. Nel frattempo il pacchetto casa è stato aggiornato, e comprende sia le misure per favorire l’adeguamento degli immobili che quelle per gli standard anti-sismici e delle zone a rischio.

Aggiornamento del 31/05/2013

Questa mattina è iniziata la 6° riunione del Consiglio dei ministri che dovrà varare il decreto legge sulle prestazioni energetiche per l’edilizia, secondo le direttive stabilite dall’Unione europea. La proroga riguarderà sia il bonus fiscale del 50 che del 55%, le coperture trovate nella giornata di ieri sembrano far quadrare i conti.

Si è conclusa nel pomeriggio la riunione a Palazzo Chigi durante la quale è stato approvato definitivamente gli eco bonus per favorire la riqualificazione energetica del patrimonio immobiliare italiano in conformità alle direttive europee

Cos’è cambiato ?

Il bonus fiscale per l’efficienza energetica dal 55% passerà al 65%, quello per la ristrutturazione edilizia resterà al 50%. Non ci saranno successive proroghe, ma rimarranno in vigore fino al 31 dicembre 2013, e i rimborsi saranno sempre ripartiti in 10 annualità.

Per i dettagli dovremmo aspettare la pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale all’inizio della prossima settimana.

 Aggiornamento del 10/06/2013

Abbiamo aggiornato la nostra pagina detrazioni fiscali, dove potrete trovare tutte le indicazioni e le modifiche approvate dal Governo.

Aggiornamento del 01/08/2013

Il 30/07/2013 la camera ha approvato la nuova modifica del decreto ecobonus, che prevede la stabilità degli incentivi fiscali dal 2014. Si prevede di estendere l’ecobonus ad altri ambiti che non siano quelli del risparmio energetico e della ristrutturazione, come la camera ha già cominciato a fare approvando il bonus per l’adeguamento antisismico. Entro il 4/08/2013 il nuovo decreto dovrà passare al senato per essere approvato, mentre per essere ampliato ci sarà tempo fino, e non oltre, il 31/12/2013.